Archivio

Post Taggati ‘orata’

Orata coi gamberetti

21 Maggio 2011 5 commenti

orata coi gamberetti

Stamane al mercato di San benedetto, nel banco della piccola pesca, quasi sommersi dal pesce per frittura, da enormi polpi e da minacciosi gronghi, occhieggiava una “farrancada” (ossia una manciata, in dialetto cagliaritano) di gamberetti rosa. Acquisto prima un’orata e poi chiedo al pescivendolo di darmi la “farrancada” di gamberetti per farne un sugo e, inaspettatamente, egli me li offre da assaggiare crudi esclamando: “così capisce che sono appena pescati, senza ammoniaca!”. Non mi convince a mangiarli e mi suggerisce di cucinarli con l’orata. Proprio una bella idea! Ed ecco che così per stasera ho preparato l’orata in cartoccio con gamberetti freschi.

Ingredienti:

1 orata media

100 grammi di gamberetti

Olio extra vergine d’oliva

1 limone

Vino bianco

1 ciuffo di basilico

Pepe in grani

1 foglia di alloro

1 cipolla rossa

1 spicchio di aglio

Preparazione:

Prepariamo la marinatura mischiando in una ciotola ampia vino bianco, basilico e pepe in grani; sventriamo l’orata, laviamola ed asciughiamola. Mettiamo il pesce a marinare per almeno un’ora in frigorifero coprendo la ciotola, prepariamo un foglio di alluminio grande a sufficienza da contenere l’orata, ungiamolo e disponiamolo sulla placca da forno. Sgusciamo, puliamo i gamberetti, affettiamo la cipolla a velo e adagiamola sul foglio di alluminio. Scoliamo il pesce dalla marinatura, saliamo l’addome farcendolo con dei gamberetti ed uno spicchio di aglio schiacciato. Accendiamo il forno, adagiamo i restanti gamberetti sopra l’orata, uniamo la foglia di alloro, bagniamo col succo filtrato di limone e richiudiamo il cartoccio. Cuociamo per circa 20 minuti e serviamo direttamente nel cartoccio condendo con un filo di olio extra vergine d’oliva.

Orata al forno, con limone

8 Aprile 2011 2 commenti

Orata al forno con limone

Ecco una ricetta veloce che mantiene inalterato il sapore e il profumo del mare. Accertatevi che i limoni non abbiano subito nessun tipo di trattamento e che il pesce sia freschissimo. La ricetta si può adattare anche alla spigola o al merluzzo.

Ingredienti:

2 limoni biologici

1 orata media

1 spicchio di aglio

1 manciata di aghi di rosmarino

1 peperoncino

Olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

Sventriamo, laviamo ed asciughiamo l’orata. Laviamo i limoni biologici, affettiamoli sottilmente e tritiamo l’aglio, il rosmarino, il peperoncino. Sistemiamo su una teglia da forno unta metà delle fette di limone creando una base sulla quale adageremo l’orata. Saliamo il pesce, farciamo la cavità addominale col trito aromatico preparato, mettiamo l’orata sopra le fette di limone e ricopriamo col resto delle fettine. Accendiamo il forno, condiamo con un filo d’olio extra vergine d’oliva e cuociamo in forno per circa 30 minuti. Serviamo l’orata calda, ricoperta dalle fettine di limone.

Buona cena! 

Orata in filetti, marinata al the, alle erbe

10 Febbraio 2011 Commenti chiusi

Orata collage

L’orata è un pesce dalle carni molto delicate e apprezzate e viene cucinata in svariati modi. Per variare provate questa marinatura dal vago sapore orientale. L’orata si acquista anche di allevamenti presenti in tutta Italia. Al mercato di San Benedetto si trovano sia di mare (pescate) che di allevamento; queste ultime hanno un sapore meno forte ma sono decisamente più grasse. L’importante è cercare sempre pesce allevato in Italia.

Ingredienti:

1 orata media

2 bustine di the

1 manciata di foglie di timo

1 rametto di rosmarino

1 limone biologico

Preparazione:

Squamiamo, sventriamo e laviamo l’orata. Prepariamo il the e facciamolo freddare in una ciotola capiente. Nel frattempo sfilettiamo l’orata ed immergiamo i quattro filetti nel the freddo facendoli marinare in frigorifero per circa mezz’ora Prepariamo il composto per l’impanatura: sbricioliamo la mollica di un panino, grattugiamo finemente la scorza del limone biologico e tritiamo gli aghi di rosmarino e la salvia. Sgoccioliamo l’orata dalla marinata e passiamola nel preparato più volte in modo che i filetti risultino ben ricoperti di impanatura. Ungiamo una teglia, adagiamoci i filetti e cuciniamo per circa 15 minuti in forno. Serviamo con fettine di limone e un’insalata mista.

Aspetto i vostri commenti. 

Orata all’arancia

3 Gennaio 2011 Commenti chiusi

Orata all'arancia

Oggi cuciniamo pesce!

Al mercato ho trovato delle orate di mare pescate in nottata e ho pensato di cucinarle con salsa di arance. Le arance sono un frutto di stagione quindi a costo contenuto e in più a chilometri zero almeno per me che, per ora, vivo in una zona votata alla coltivazione di agrumi.

Il gusto fresco delle arance si sposa molto bene con quello delicato dell’orata offrendoci un piatto insolito e genuino. La guarnirò con olive nere anche queste a chilometri zero.

Iniziamo a lavorare. Laviamoci le mani e mettiamoci vicino tutto ciò che ci servirà per cucinare.

Ingredienti:

Un’orata media

Due arance non trattate

Due cucchiai di pan grattato

Una manciata di olive nere

Sale

Olio extra vergine d’oliva

Un cucchiaio di farina

Preparazione:

Per prima cosa prepariamo la farcia dell’orata. Laviamo accuratamente le arance biologiche e grattiamone una avendo cura di non prelevare la parte bianca amara. Mescoliamo il pan grattato con la buccia dell’arancia, il sale e un po’ d’olio di oliva per rendere il composto omogeneo. Tagliamo a fettine sottili la seconda arancia e disponiamo le fette nella teglia da forno unta. Squamiamo, sventriamo e laviamo l’orata farcendola con il ripieno. Adagiamola delicatamente su metà delle fette d’arancia e ricopriamola con le  fette restanti. Spremiamo l’arancia di cui abbiamo utilizzato solo la scorza e condiamo l’orata con un po’ di succo d’arancia emulsionato all’olio. Cuociamo in forno già caldo per circa 30 minuti a 180 gradi controllando, di tanto in tanto, la cottura e bagnandola col suo sughetto.

Nel frattempo prepariamo la salsa d’accompagnamento: amalgamiamo lentamente, facendo attenzione che non si formino grumi, in un pentolino la farina con il succo d’arancia. Giriamo bene e mettiamo a cuocere a fiamma bassa continuando a girare per evitare che si attacchi al fondo. Deve cuocere qualche minuto finché abbia una consistenza vellutata e non sappia più di farina. Controlliamo ogni tanto la cottura dell’orata e quando sarà pronta serviamola adagiandola sulle fette d’arancia che hanno cotto nella teglia e irrorandola con la salsina. Come ultimo tocco guarniamola con le olive nere.

Buon appetito!