Archivio

Post Taggati ‘noci’

Torta salata di radicchio e noci

28 Agosto 2011 1 commento

Torta salata di radicchio e noci

Utilizzando la farina per pizze e focacce de il Molino Chiavazza ho preparato una torta salata di radicchio con noci e ricotta da servire come aperitivo per il rinfresco di stasera.

farina per pizze e focacceLa bontà di questa preparazione sta nell’alta resa dell’impasto garantita dalla farina per pizze e focacce de il Molino Chiavazza che è particolarmente adatta ai cibi con una lievitazione naturale. L’armonia dei sapori deriva dal contrasto fra l’amarognolo del radicchio tondo e il dolce della ricotta vaccina, dalla croccantezza delle noci e dalla friabilità della pasta.

 

Ingredienti:

1 cespo di radicchio tondo rosso

Vino rosso

200 grammi di ricotta vaccina

1 peperoncino rosso fresco

200 grammi di noci da sgusciare

1 manciata di olive nere

1 pizzico di sale

400 grammi di farina per pizze e focacce il Molino Chiavazza

160 grammi di pasta madre

Preparazione:

Mettiamo la farina sulla spianatoia, facciamo la fontana al centro, sciogliamo la pasta madre nell’acqua tiepida (100 gr), mettiamola nella fontana ed iniziamo a lavorare. Uniamo a poco a poco l’acqua necessaria per impastare, un pizzico di sale e continuiamo a lavoriamo fino ad avere un composto sodo. Diamogli la forma di una palla, incidiamo la superficie con un taglio a forma di croce, mettiamolo in una ciotola coprendolo con un telo e facciamolo lievitare lontano dagli spifferi per circa 3 ore. Mondiamo il radicchio, eliminiamo le foglie rovinate, laviamolo e tagliamolo a strisce non troppo sottili. Mettiamolo a stufare in una padella antiaderente, bagniamo col vino e facciamo evaporare. Saliamo, mescoliamo, mettiamo il coperchio e portiamo a cottura per circa 15 minuti. Sgusciamo le noci, snoccioliamo le olive e tritiamo tutto grossolanamente, lavoriamo la ricotta per eliminare i grumi e misceliamola alle noci ed alle olive nere. Aggiungiamo al composto di ricotta il radicchio freddo, lavoriamo bene per amalgamare gli ingredienti e condiamo con peperoncino fresco tagliato a rondelle. Riprendiamo l’impasto, stendiamolo su un piano infarinato e con il mattarello ricaviamo una sfoglia grande quanto la nostra teglia. Accendiamo il forno, ungiamo con cura la teglia compreso i bordi, stendiamo la nostra sfoglia creando un bordino e farciamola col composto di radicchio. Cuociamo per circa 20 minuti a 180 °C badando che il radicchio non bruci, se notiamo che la farcia sta diventando troppo scura possiamo coprirla con un foglio di carta stagnola. Facciamola riposare in forno e serviamola tiepida.

Tortini allegri di patate

7 Maggio 2011 2 commenti

Tortini allegri di patate

Per partecipare al contest “mangiatori di patate” ho pensato a questa simpatica ricetta dove questi preziosi tuberi si trasformano in ottimi e nutrienti tortini. Le patate sono delle vere alleate in cucina sia per la loro facilità di conservazione che per la loro versatilità, infatti il loro utilizzo va dagli antipasti al dolce. Sono ricche di amido, di vitamine, di sali minerali e danno velocemente il senso di sazietà. Il loro potere calorico si aggira attorno alle 85 calorie per 100 grammi; acquistiamole sode e prive di germogli e conserviamole in un luogo fresco e buio. Per questa ricetta ho scelto patate bianche che ho bollito con la buccia per mantenere il più inalterato possibile il valore nutrizionale e il loro sapore.

Ingredienti:

400 grammi di patate bianche

3 melanzane nere

150 grammi di carote

200 grammi di noci

Pane grattato

Olio extra vergine d’oliva

150 grammi di formaggio grattugiato

1 pizzico di noce moscata

1 cespo di radicchio

Preparazione:

Mettiamo a bollire in acqua le patate con la buccia per circa 30 minuti, facciamole intiepidire, spelliamole e passiamole con lo schiacciapatate. Ungiamo un padellino antiaderente e ripassiamo, a fuoco vivace, le patate per qualche minuto. Facciamole freddare, mettiamole in un piatto, saliamo, uniamo il formaggio grattugiato, la noce moscata e mischiamo. Raschiamo le carote, lessiamole, tagliamole a cubetti non troppo piccoli e mischiamole al composto di patate lavorando bene. Laviamo le melanzane affettiamole in senso orizzontale, scaldiamo la piastra, grigliamole e mettiamole da parte; sgusciamo le noci e tritiamole grossolanamente. Ungiamo con molta cura gli stampini, spolveriamoli col pane grattato scuotendoli per eliminare quello in eccesso e sistemiamo una fettina di melanzana come base. Ricopriamo con uno strato di patate, spolveriamo con un po’ di noci tritate, stendiamo un altro strato del composto di patate e concludiamo con una fettine di melanzane. Accendiamo il forno, mondiamo il radicchio, ricaviamo delle foglie intere e mettiamole su un piatto da portata. Cuociamo i tortini per circa 30 minuti a 180° e serviamoli sulle foglie di radicchio.

 

Con questa ricetta ho partecipato al contest “Mangiatori di patate”:

contest mangiatori di patate

La mia Baklava

8 Marzo 2011 3 commenti

Baklava

La Baklava è un dolce tipico della Turchia, esportato nel corso del tempo in molte altre aree, che ha come ingrediente principale le noci. Alcune ricette impiegano la pasta phillo, altre la aromatizzano con l’acqua di rose o prevedono una base di uova e farina farcita di pistacchi e mandorle. Esistono versioni greche, albanesi, persiane e ogni cultura ha aggiunto qualche ingrediente particolare. La ricetta che vi propongo io, a differenza di quella classica, non prevede l’uso delle uova né quello del burro e ha un croccante ripieno di noci. Una vera delizia!

Ingredienti:

300 grammi di noci sgusciate

200 grammi di farina

100 grammi di zucchero

1 limone

1 pizzico di cannella

1 pizzico di sale

1 cucchiaio di miele

Olio di semi

Preparazione:

Misceliamo su una spianatoia la farina ed un pizzico di sale, aggiungendo l’acqua volta per volta. Lavoriamo molto bene, formiamo una palla, avvolgiamola in uno strofinaccio e poniamola in frigorifero per un’ora. Prepariamo il ripieno sgusciando le noci e tritandole grossolanamente. Riprendiamo la pasta, otteniamo 10 palline ed iniziamo a stendere la prima sfoglia col mattarello. Cerchiamo di tirare la pasta il più sottile possibile infarinando sia il piano di lavoro che il mattarello. Ungiamo una teglia da forno rotonda, sistemiamo il primo disco, spennelliamolo con l’olio di semi, sovrapponiamo il secondo disco di pasta spennellandolo con l’olio e ricopriamolo con il terzo disco. Procediamo in questa maniera fino a circa metà teglia e poi farciamo con le noci tritate e spruzzate di zucchero. Ricopriamo la farcia con una sfoglia di pasta, spennelliamola d’olio e andiamo avanti fino ad esaurire i dischi di pasta. Bagniamo la superficie del dolce con un cucchiaio di acqua e mettiamo in forno per circa 40 minuti fino a che la pasta non diventi di un bel colore dorato. Mentre il dolce si fredda facciamo bollire il miele, il succo filtrato del limone, la cannella e 100 ml di acqua. Quando il liquido è diventato sciropposo versiamolo caldo sulla Baklava. Per guarnirla io ho usato dello zucchero a velo ma, è ottima anche al naturale magari accompagnata da un buon bicchierino di grappa secca! 

Nota:

La mia ricetta della baklava, ha avuto l’onore di essere stata inserita come dessert nel ”menù del giorno” del 13 marzo 2011 dal sito  Petit Chef

Brownies vegani

8 Febbraio 2011 2 commenti

Brownies

Questa ricetta è un adattamento di quella originale americana, che prevede sia l’uso del burro che delle uova. La mia elaborazione è diventata un dolce vegan facile da preparare e molto gradito, non solo ai bambini! Servitelo per una merenda o per una sana colazione del mattino, che ci faccia affrontare la giornata con ottimismo. Se preferite potete spolverarli con il cacao in polvere amaro anziché con lo zucchero a velo.

Ingredienti:

100 grammi di zucchero

150 grammi di farina

200 cioccolato fondente

1 pizzico di sale

1 arancia non trattata

150 grammi di noci

Zucchero a velo

Preparazione:

Mettiamo in una ciotola capiente la farina, lo zucchero, la scorza grattugiata dell’arancia biologica ed un pizzico di sale. Spremiamo l’arancia e filtriamo il succo. A parte sciogliamo a bagnomaria il cioccolato fondente mescolando ogni tanto; facciamolo freddare e sgusciamo le noci tritandole grossolanamente. Incorporiamo lentamente il cioccolato sciolto alla farina, giriamo bene ed uniamo le noci triturate e il succo dell’arancia. Lavoriamo e trasferiamo il composto in una teglia da forno ben oliata, cuociamo per circa 30 minuti facendo all’ultimo la “prova stecchino”: quando i brownies saranno pronti lo stecchino dovrà uscire pulito e asciutto. Fate freddare bene e poi tagliatelo a cubetti spolverandolo con lo zucchero a velo. Buona merenda!

Burrida

16 Gennaio 2011 Commenti chiusi

Burrida

La Burrida è un antipasto tipico delle zone costiere della Sardegna, in particolare del Cagliaritano, preparato col gattuccio di mare. Il gattuccio è un piccolo squalo che può raggiungere al massimo gli 80 cm di lunghezza. Ho imparato a cucinarla i primi tempi del mio arrivo a Cagliari; la ricetta me l’ha suggerita un rivenditore del caratteristico mercato civico di San Benedetto. Ancora oggi, quando cucino la Burrida, a casa mia ricordiamo divertiti il mio scoramento di quando andai per la prima volta a fare la spesa al mercato. Mi trovai in mezzo a scatenati venditori, ai loro richiami, alla ressa, ma anche ad un tripudio di pesce freschissimo appena pescato. Da allora, trascorsi quattro anni, per me oggi andare a San Benedetto è una festa irrinunciabile. Se ne avete l’occasione visitatelo, ne vale la pena!

Ingredienti:

8oo grammi di gattuccio di mare tagliato in tranci, pulito e sviscerato

Fegatini ottenuti dalla pulizia del gattuccio

8 noci

Un bicchiere d’aceto

Uno spicchio d’aglio

Prezzemolo

Sale

Olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

In una pentola capiente portiamo a bollore l’acqua salata e cuociamo per circa 20 minuti il gattuccio in tranci. Nel frattempo prepariamo la salsa mettendo in una padella un goccio d’olio a scaldare. Aggiungiamo subito i fegatini e aiutandoci con un cucchiaio spappoliamoli. Sfumiamo con l’aceto, lasciamolo evaporare ed uniamo le noci tagliuzzate grossolanamente; mescoliamo per creare una salsina omogenea e densa. A parte tritiamo sottilmente il prezzemolo e l’aglio. Controlliamo la cottura del gattuccio e scoliamolo adagiandolo in una zuppiera. Versiamoci sopra la salsa ancora bollente e condiamo con l’aglio e il prezzemolo. Teniamo la Burrida in frigo e serviamola il giorno dopo; prima di portarla in tavola teniamola a temperatura ambiente in modo che la salsina rappresa si sciolga.

Buon appetito!

Nota:

La mia ricetta della burrida, ha avuto l’onore di essere stata inserita come antipasto nel ”menù del giorno” del 20 gennaio 2011 dal sito  Petit Chef

Spigola con radicchio e noci

8 Gennaio 2011 1 commento

Spigola con radicchio e noci

Provate a preparare la spigola al radicchio accompagnandola, come faccio io, con crocchette di zucca. E’ un piatto veloce che vi farà apprezzare il contrasto di sapori fra l’amaro del radicchio e la dolcezza della zucca:

Ingredienti:

1 spigola di medie dimensioni

300 grammi di radicchio

1 cipolla

3 noci

Mezzo bicchiere di vino rosso

Sale

Olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

Prepariamo la salsa di radicchio e noci. Tagliamo finemente il radicchio e la cipolla e saltiamoli con poco olio e sale. Facciamo cucinare e all’ultimo aggiungiamo le noci sminuzzate. Teniamo la salsa in caldo e prepariamo il pesce. Squamiamo e sventriamo la spigola infarinandola leggermente. Ungiamo una padella antiaderente e rosoliamo la spigola, sfumandola a metà cottura col vino rosso. Dopo circa 20 minuti verifichiamo che sia pronta e serviamola adagiandola sulla salsa di radicchio e noci.

Fichi secchi farciti

5 Gennaio 2011 Commenti chiusi

Fichi farciti

I fichi secchi farciti sono una delizia se li glassate al cioccolato, bianco o fondente. Io li riempio con le noci e li ricopro con cioccolato fondente. Potete usare anche i datteri, privati del nocciolo e glassati col cioccolato.

 Ingredienti:

Fichi secchi

Cioccolato fondente

Noci

Preparazione:

Priviamo i fichi secchi del peduncolo e con un coltello facciamo un’incisione che per introdurvi le noci. Io metto mezzo gheriglio per fico, ma se i fichi sono panciuti potete farcirli con un gheriglio intero. Completata l’operazione sciogliamo il cioccolato a bagnomaria, mescoliamo e tuffiamoci i fichi ripieni. Di solito io li ricoprire completamente di cioccolato rigirandoli per bene. Mettiamoli ad asciugare e quando la cappa è solida serviteli per una merenda o un dopo cena.