Archivio

Post Taggati ‘curcuma’

Seppie con piselli

6 Ottobre 2014 4 commenti

Le seppie con piselli sono un piatto tipico della cucina italiana, molto diffuso anche nella mia regione. Al mercato di San Benedetto in questo scorcio d’estate, si trovano moltissime seppie anche di piccole dimensioni e quindi morbide e saporite. Per rendere il piatto più colorato e più benefico per la nostra salute ho aggiunto un pizzico di curcuma, una spezia antiossidante che aiuta anche a contrastare l’insorgenza di gravi malattie, come alcune forme tumorali.

Ingredienti:

500 grammi di seppie fresche

Olio extra vergine d’oliva

1 spicchio d’aglio

1 pizzico di curcuma

Sale

350 grammi di piselli

2 cucchiai di passata di pomodoro

1 peperoncino piccante

1 mazzetto di prezzemolo fresco

Preparazione:

Puliamo, laviamo e tagliamo a piccoli pezze le seppie; mettiamo poco olio in una padella con i bordi alti ed uniamo l’aglio schiacciato e le seppie. Facciamo insaporire per qualche minuto, poi uniamo qualche cucchiaiata di acqua calda e mettiamo il coperchio; dopo circa un quarto d’ora aggiungiamo i piselli e la passata di pomodoro. Mescoliamo ed uniamo la curcuma disciolta in un po’ di acqua calda, proseguendo la cottura per circa 10 minuti; togliamo il coperchio e facciamo restringere il fondo. Dopo aver spento il fuoco aggiungiamo il peperoncino a tocchetti ed il prezzemolo tritato. Buon appetito!

 

Categorie:Primi Tag: , ,

Aragostelle alla curcuma

17 Marzo 2013 7 commenti

L’aragosta è un crostaceo molto prelibato, difficile da reperire. Il mio pescivendolo oggi mi ha suggerito di acquistare delle aragostelle freschissime; il suo consiglio è stato quello di non sbollentarle ma di cuocerle in padella, in modo da non disperdere il loro sapore. Ho arricchito la ricetta con un pizzico di colorata curcuma che ha reso il piatto più speciale e allegro. Le aragostelle possono anche essere impiegate per realizzare una fresca insalata oppure condire un primo piatto.

Ingredienti:

2 aragostelle

1 cucchiaino di curcuma

vino bianco

2 spicchi di aglio

sale

Preparazione:

Laviamo le aragostelle e asciughiamole; tritiamo l’aglio e mettiamolo in una padella antiaderente. Uniamo le aragostelle e bagniamo col vino; a parte stemperiamo la curcuma con poca acqua calda e aggiungiamola alle aragostelle. Copriamo e cuociamo per 10 minuti, girandole in modo che diventino belle rosse; scoliamo le aragostelle e teniamole al caldo. Uniamo poca farina e facciamo restringere la salsa. Serviamo i crostacei ben irrorati con il fondo di cottura. Buon appetito!

 

 

 

Passera al purè di patate

17 Giugno 2012 Commenti chiusi

Il pesce passera vive nei fondali del Mar Mediterraneo e si ciba di piccoli crostacei e molluschi; in commercio si trova surgelata e già sfilettata. Se l’acquistate fresca, come ho fatto io, per levare la pelle chiedete aiuto al vostro pescivendolo. Questo piatto semplice esalta il sapore del pesce che è accompagnato da un colorato purè alla curcuma; questa spezia è anche un potente colorante naturale impiegato in India per colorare i sari.

Dopo aver mangiato, per pulire i pavimenti e le superfici della mia cucina ho usato il detergente per pavimenti Emulsio che profuma e rispetta l’ambiente.

 

Ingredienti:

1 pesce passera

Vino bianco

1 manciata di olive nere

3 patate medie

2 cucchiai di yogurt bianco magro

1 pizzico di curcuma

Preparazione:

Prepariamo il pesce, eliminando la pelle e le viscere, laviamolo ed asciughiamolo; ungiamo una pirofila, disponiamo il pesce,le olive, bagniamo con il vino bianco e mettiamo in forno per 15 minuti a 180 °C. Bolliamo le patate intere e con la buccia in acqua bollente per 45 minuti, sbucciamole e passiamole ancora calde con il passa verdura. Uniamo il sale, la curcuma e lo yogurt; amalgamiamo con cura e versiamo il prodotto negli stampini precedentemente unti. Mettiamo in forno per 20 minuti o fino a quando si formerà una bella crosticina. Facciamo freddare e sformiamo sul piatto da portata; disponiamo anche pesce passera vicino ai tortini di purè e serviamo.

 

Pasta fredda con curcuma

11 Agosto 2011 2 commenti

pasta fredda con curcuma

Un piatto dedicato a chi con spirito vacanziero vuole continuare a mangiare sano e bene. Una insalata di pasta estiva nutriente con la frutta e la verdura del momento che si può arricchire con altri prodotti dell’orto ma non solo: da provare con wurstel grigliati o con prosciutto cotto tagliato a cubetti. Alle proprietà salutari delle verdure si aggiungono quelle della curcuma che è considerata una grande alleata nella prevenzione di alcuni tipi di tumore come quello del colon e del fegato. Il suo colore è un bel giallo intenso piuttosto differente da quello rosso dello zafferano a cui viene talune volte mischiata per mere ragioni commerciali ed economiche, in quanto lo zafferano ha un costo decisamente più alto.

Ingredienti:

200 grammi di caserecce o fusilli

1 peperone rosso

1 melanzana nera media

100 grammi di fagiolini

2 zucchine verdi piccole

1 fette di melone

50 grammi di olive nere col nocciolo

1 manciata di foglie fresche di menta

1 spicchio di aglio

1 cucchiaino di curcuma

1 patata media

80 grammi di provolone piccante

Preparazione:

Laviamo le zucchine, la melanzana e il peperone; quest’ ultimo priviamolo dei filamenti bianchi interni e dei semi: affettiamo tutte le verdure a rondelle sottili e rosoliamole in una padella antiaderente con un filo di olio extra vergine d’oliva e un aglio schiacciato. Saliamo, mescoliamo e portiamo a cottura per circa 10 minuti, snoccioliamo le olive e tagliamo il formaggio a cubetti. Mondiamo i fagiolini, laviamo le patate, lessiamo in poca acqua bollente, scoliamo, facciamo freddare e tagliamo tutto a piccoli tocchetti. Sbucciamo il melone, tagliamo la polpa in quadratini, poniamolo nella zuppiera con le olive denocciolate, i fagiolini e le patate. Uniamo le verdure saltate e fatte freddare, cuociamo le caserecce nell’acqua bollente salata, scoliamole e freddiamole sotto un getto di acqua fredda. Versiamo la pasta nella zuppiera, sciogliamo con un cucchiaino di acqua tiepida la curcuma, condiamo la pasta ed uniamo le foglie di menta fresca. Mescoliamo con cura e poniamo in frigorifero fino al momento di portare a tavola.

Risotto alla rana pescatrice e curcuma

11 Maggio 2011 1 commento

Risotto alla rana pescatrice con curcuma

Le guance della rana pescatrice sono molto gustose ma spesso poco utilizzate e difficili da reperire. Al mercato ittico di San Benedetto dal mio pescivendolo ho acquistato due rane pescatrici. La più piccolina l’ho adoperata per la ricetta ”rana pescatrice alla piastra”; con la seconda, decisamente più grande, ho utilizzato la coda per la ricetta della “coda di rospo in padella” (di prossima pubblicazione) e la testa per questo saporito risotto. Se non doveste trovare le guance della pescatrice optate per i filetti ma, come ho già scritto, è sempre meglio comprare il pesce intero per poter verificare la sua freschezza e…. per poter cucinare le guance! Il colore giallo del risotto è dovuto all’impiego della curcuma, nota anche come Zafferano delle Indie, spezia molto usata nella cucina indiana e africana e ormai a buon diritto entrata anche negli usi “occidentali”. Ora diamoci da fare!

Ingredienti:

200 grammi di riso Basmati

4 guance di rana pescatrice

½ cucchiaino di curcuma

1 limone biologico

1 carota

1cipolla

1 ciuffo di prezzemolo

1 scalogno

1 foglia di alloro

Preparazione:

Prepariamo il brodo di pesce mettendo in una ampia pentola l’acqua una carota tagliata a metà, una cipolla, una fettina di limone, una foglia di alloro, la testa e gli scarti della rana pescatrice. Portiamo a bollore, facciamo cuocere per circa mezz’ora e passiamo il brodo attraverso un colino a maglie strette o uno strofinaccio. Facciamo freddare la testa, preleviamo le guance del pesce e teniamole da parte. Ungiamo un pentolino, mettiamo lo scalogno tritato, le guance tagliate a cubetti e cuciniamo per 5 minuti. Uniamo il riso, facciamolo tostare per circa 2 minuti, versiamo il brodo di pesce caldo e mescoliamo. Dopo circa 10 minuti aggiungiamo la curcuma disciolta in poco brodo e saliamo; se il riso dovesse asciugarsi troppo aggiungiamo altro brodo. Portiamo a cottura e serviamo decorando con del prezzemolo tritato.

Ali di pollo piccanti, allo spumante

28 Gennaio 2011 1 commento

Ali di pollo alla paprika

Se dagli ultimi festeggiamenti che vi hanno visto coinvolti vi è avanzato un po’ di spumante, questa è l’occasione giusta per utilizzarlo. Acquistate delle ali di pollo, possibilmente di animali ruspanti, la cui pelle possiede un bel colore sul giallo. Dosate a piacere la curcuma e la paprika secondo il vostro apprezzamento del piccante; potete anche sostituirle con dello zafferano. Oggi le ali le ho servite con contorno di verza e carote in umido, ma potete optare anche per una fresca insalata di carote.

Ingredienti:

4 ali di pollo

300 grammi di farina

3 cucchiai di farina di mais

1 cucchiaio di curcuma

1cucchiaio di paprika

Sale

Olio extra vergine d’oliva

1 limone non trattato

2 tazze  di spumante

2 spicchi di aglio

Foglie di menta fresca

Preparazione:

Prepariamo la marinata versando in una ampia ciotola lo spumante e il succo del limone con le scorze. Uniamo le ali, verificando che siano immerse nel liquido e facciamo riposare in frigorifero per un’ora. Prepariamo l’impanatura miscelando la farina bianca con quella di mais, la paprica, la curcuma, l’aglio tritato finemente ed un goccio di olio. Mescoliamo bene e allunghiamola con un po’ di marinata in modo da avere una pastella non liquida. Sgoccioliamo le ali dalla marinata e passiamole nell’impanatura avendo cura di ricoprirle in modo uniformemente. Accendiamo il forno e facciamolo scaldare, oliamo una teglia e sistemiamo le ali facendole cuocere per circa 30 minuti. Serviamole guarnite da foglie di menta fresca e dalla verza in umido.